GOOD NEWS -Nuova Radiofarmacia dell’ospedale Santo Stefano e nuovo Centro PET

Nuova Radiofarmacia dell’ospedale Santo Stefano e nuovo Centro PET. Così la Medicina Nucleare di Prato diventa centro aziendale di riferimento nella cura dei pazienti oncologici. Via libera dell’Azienda ai due progetti di Area Vasta. Investimenti per oltre 3 milioni e mezzo

ESTAR Dipartimento Tecnologie Sanitarie, 22 Maggio 2019

Prato - L’Azienda Usl Toscana centro sta operando su vari fronti al fine di sviluppare l’ospedale Santo Stefano di Prato come centro aziendale di riferimento per la cura del paziente oncologico.

Nello specifico, come evidenziato dall’ASL stessa, sono stati programmati importanti investimenti sull’attività di diagnostica già a partire dall’anno corrente fra cui l’ampliamento dell’attuale Radiofarmacia, l’acquisizione di una terza TAC e l’avvio del Centro PET.

Il Dipartimento Tecnologie Sanitarie di ESTAR sta lavorando in sinergia con la Direzione del presidio ospedaliero, il Dipartimento di Diagnostica per Immagini e il Dipartimento Tecnico dell’ASL Toscana Centro, al progetto di riorganizzazione del servizio e alla predisposizione di tutti gli atti tecnici per l’acquisizione delle necessarie attrezzature.

Attualmente è già in corso il potenziamento della Radiofarmacia e della Medicina Nucleare che sarà riorganizzata ed ampliata. Già entro giugno è prevista l’installazione del nuovo sistema automatizzato di frazionamento ed infusione dei radiofarmaci .

ESTAR ha inoltre recentemente aggiudicato la gara relativa alla fornitura di apparecchiature necessarie per la sintesi dei radiofarmaci 68Ga, cuore della nuova radiofarmacia, e sono già in corso le procedure di acquisto relative ai dispositivi per il controllo di qualità dei farmaci prodotti.

Sono inoltre in corso i lavori di progettazione e predisposizione degli atti tecnici per la procedura di appalto per le grandi apparecchiature di diagnostica avanzata dedicate al nuovo Centro PET.