Approvata la programmazione 2021/2022 dell'acquisizione beni e servizi per il servizio sanitario regionale

Con la deliberazione n. 554 del 29/12/2020 Estar ha approvato la programmazione dell’attività contrattuale per il biennio 2021-2022.
Si tratta della pianificazione delle procedure di gara che saranno effettuate per garantire alle Aziende Sanitarie toscane la costante disponibilità dei beni e dei servizi necessari per lo svolgimento delle attività sanitarie.


In tutto sono previste oltre 300 procedure di importo superiore a 75.000 euro, di cui circa 200 da indire nel 2021, che come di consueto comprendono sia le grandi gare regionali, sia procedure in risposta a specifiche esigenze aziendali; numerosi anche gli appalti specifici previsti nell’ambito dei vari Sistemi Dinamici di Acquisizione attivi, specie nel settore dei farmaci, delle tecnologie sanitarie e dei beni economali. Ovviamente ai numeri sopra indicati andranno aggiunte le procedure non programmate in risposta a bisogni indifferibili che si presenteranno durante il biennio.


Gli obiettivi restano quelli di alimentare il catalogo delle gare regionali per tutte le categorie beni e servizi, di garantire continuità di fornitura nel settore dei beni sanitari di consumo gestiti dalla Logistica Estar e di supportare specifici progetti strategici.
Nella definizione degli interventi si è tenuto conto, fin dalla fase di progettazione, del contributo che potrà essere fornito dalle professionalità presenti in Estar (ingegneri clinici, informatici, farmacisti, etc.), cosicché la programmazione diventi un grande piano di lavoro condiviso. Molte delle azioni previste, tra l’altro, supportano interventi infrastrutturali strategici, come ad es. quelli nel settore delle tecnologie informatiche.
La definizione della programmazione 2021 si è rivelata più difficoltosa rispetto agli ultimi anni, in considerazione del perdurare della pandemia covid-19; le numerose procedure di acquisto urgenti destinate a supportare le azioni di contrasto alla pandemia assorbono infatti una rilevante quantità delle risorse disponibili e tale situazione non muterà almeno per buona parte del 2021. Ciononostante si è cercato comunque di accogliere le principali istanze provenienti dalle Aziende Sanitarie.


La programmazione 2021 rappresenta una ulteriore sfida professionale per i RUP e i Dirigenti del Dipartimento ABS, che sono chiamati a svolgere il proprio delicato ruolo anche in qualità di project manager, sulla base di rinnovate procedure, definendo precisi tempogrammi, diventati ancora più sfidanti a seguito dell’entrata in vigore della legge c.d. "DL semplificazione" n. 120/20.

Deliberazione N. 554 del 29/12/2020